Sabatini Bis – Incentivi alle pmi per 2,5 miliardi di euro

NUOVA SABATINI 2,5 MILIARDI DI EURO PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE

credito-640x320

Manca veramente poco per poter accedere ai nuovi investimenti previsti dalla nuova legge Sabatini, lo strumento finanziario  che sostiene gli investimenti in impianti e macchinari del tessuto imprenditoriale italiano ( piccole e medie imprese ). Il decreto del Fare (dl 69/2013) ha infatti previsto la costituzione di un plafond da 2,5 miliardi di euro, incrementabili fino a 5 miliardi, presso la Cassa Depositi e Prestiti per la concessione di finanziamenti alle PMI da parte delle banche e degli intermediari finanziari che aderiscono ad apposite convenzioni tra ABI, CDP e MISE.

BENEFICIARI

 

Lo strumento è dedicato alle piccole e medie imprese di tutti i settori produttivi, che realizzano investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché in hardware, software e tecnologie digitali. Gli investimenti devono riguardare:

 

  • la creazione di una nuova unità produttiva;
  • l’ampliamento di un’unità produttiva esistente;
  • la diversificazione della produzione di uno stabilimento;
  • il cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità produttiva esistente;
  • l’acquisizione degli attivi direttamente connessi ad una unità produttiva, nel caso in cui sia stata chiusa o sarebbe stata chiusa qualora non fosse stata acquisita e gli attivi vengano acquistati da un investitore indipendente.

 

I finanziamenti, concessi fino al 31 dicembre 2016, devono avere importo compreso tra 20mila euro e 2 milioni di euro, possono coprire fino al 100% degli investimenti ed essere assistiti dalla garanzia del Fondo centrale di garanzia fino all’80% dell’ammontare del prestito. Il Ministero concede un contributo pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento della durata di cinque anni al tasso d’interesse del 2,75%. Le risorse a disposizione per il periodo 2014-2021 ammontano a 191,5 milioni di euro.

 

ACCESSO

Si attende la circolare della Direzione generale che definirà  l’incentivazione delle attività imprenditoriali e dovrà stabilire il termine iniziale di apertura dello sportello per la presentazione delle domande alle banche e agli intermediari finanziari aderenti alle convenzioni tra ABI, CDP e MISE. Solo dopo la pubblicazione della circolare  le pmi potranno richiedere i finanziamenti presentando anche una dichiarazione-domanda per l’accesso al contributo ministeriale Qui è possbile scaricare il DM del 27.11.2013

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.