Crowdfunding: ecco la Top Ten italiana!

Ecco le piattaforme di crowdfunding più popolari in Italia.

 

Avere un’idea e non avere i fondi per realizzarla, a quanti di noi è capitacrowdfundingto, molte idee geniali che avrebbero potuto portare a cambiamenti medio-grandi nella nostra società sono rimaste invece solo dei “sogni nel cassetto”.

Ma oggi il web non è più solo la nostra fonte di ispirazione, la nostra finestra sul mondo, il nostro mezzo di condivisione, è anche uno strumento importante per trovare investitori che credano realmente nel valore aggiunto delle nostre idee e ci aiutino a trasformare i sogni in realtà. Spesso la folla può generare valore anche in termini di denaro, l’unione fa la forza!

Creatività e innovazione sono il motore della società e i nuovi modelli di business sono i propulsori dell’economia.

Abbiamo già parlato di crowdfunding, vero e proprio sistema di microfinanziamento per raccogliere fondi attraverso il web  a favore di progetti e iniziative interessanti.

Il progetto viene diffuso in rete e la raccolta dei fondi avviene online attraverso diverse piattaforme, sfruttando la potenzialità della viralità del web.

Il fenonemo del crowdfunding sta diventando sempre più importante, oltre 30 milioni di euro è il valore totale dei progetti di startup finanziati con queste modalità.

Esistono più di 50 piattaforme online, ma quali sono le più affidabili e produttive in Italia?

1) IndieGoGo permette di accumulare fondi e, anche se non si è raggiunto il plafond richiesto, è possibile ugualmente utilizzare i fondi ottenuti;

2) crowdfunder è un vero e proprio social network con circa 20.000 utenti registrati (aziende, imprenditori, finanziatori) e permette di raccogliere fondi in diverse modalità;

3) Eppela consente il finanziamento di progetti creativi nei settori arte, design, musica, cinema, innovazione, tecnologia, fumetti, moda, no profit, scrittura, sociale;

4) Starteed, fondata nel 2011 da Claudio Bedino, consente all’ideatore non solo di trovare fondi per il proprio progetto, ma di trovare sostenitori anche per le fasi di sviluppo e vendita, dando persino la possibilità di vendere il prodotto finito sulla piattaforma stessa;

5)  Musicraiser, già dal nome lo si intuisce, è una piattaforma di crowdfunding esclusivamente dedicata alla musica, per finanziare dischi, tour, videoclip, concerti e quanto concerne con il mondo della musica;

6) Youcapital è stata realizzata dall’Associazione Pulitzer per promuovere attività e progetti interessanti nel mondo dell’informazione, del giornalismo e della comunicazione;

7) GoFundMe è una piattaforma che consente di creare un sito/blog dedicato al proprio progetto per diffonderlo e renderlo virale;

8) Siamosoci consente allo startupper di trovare business angels, venture capitalis  o investitori privati interessati alla propria idea;

9) Produzioni dal basso è una piattaforma gratuita che offre uno spazio a tutti coloro che vogliano proporre il proprio progetto per ottenere finanziamenti;

10) Ulule consente di trovare finanziamenti per progetti nel campo dell’innovazione e della creatività, grazie al coinvolgimento di una community online.

E per chi volesse farsi finanziare il proprio progetto creativo all’estero non si può dimenticare la nota piattaforma di crowdfunding Kickstarter.

Allora cosa aspettate? Se avete un progetto creativo e non sapete dove trovare i finanziamenti, la rete potrebbe essere la risposta giusta.

Leggi anche: http://www.pugliastartup.it/crowdfunding-e-startup-innovativa-cosa-sapere-prima-di-investire-su-un-portale-online/